Un’overdose di elezioni a New York City ed un nuovo metodo per votare

di Dom Serafini
Vediamo se si riesce ad enumerare tutte le elezioni primarie politiche della cittá di New York: per il sindaco, per il “Public Advocate”, per il “Comptroller”, per i presidenti dei distretti, per i “City Council”, per i “District Attorney”, e una serie di elezioni per i giudici.
Un totale di sette elezioni per un gruppo di almeno 380 candidati per la gioia delle stazioni radio, TV e giornali locali che stanno facendo soldi a palate con la pubblicitá elettorale. I candidati sono:
15 per il sindaco (un posto).
4 per Public Advocate. Un posto come presidente del parlamento comunale (City Council) e secondo in linea di successione come sindaco in caso questo diventasse incapacitato (ci sono anche 5 vice sindaci, ma questi sono nominati dal sindaco).
12 per Comptroller. Un posto come Chief Financial Officer (o direttore finanziario) del Comune.
10 per District Attorney (procuratore distrettuale per ciascuna delle 5 giurisdizioni).
Civil Court (Tribunali civili) ci sono 9 posti.
36 per Borough President o presidente di distretto. Uno per ciascuno dei 5 distretti: Manhattan, Queens, The Bronx, Brooklyn, Staten Island.
300 per City Council  o consiglio comunale. Un rappresentante per ciascuno dei 51 distretti.
Naturalmente, dopo le primarie del 22 giugno, l’elenco si assottiglierá a “soli” 135 per affrontare le elezioni generali del 2 novembre 2021.
L’aspetto interessante, oltre al numero record di elezioni simultanee, il maggior numero di candidate donne alla carica di sindaco (4, in confronto a solo una per ogni elezione nel 1997, 2013 e 2017) e l’elevato numero di candidati in generale, é il nuovo modo in cui si potrá votare alle primarie dei candidati del Partito Democratico, il cui vincitore sará sicuramente eletto sindaco, visto che a New York City i democratici rappresentano l’83% dei votanti.
Per chiarire le idee il “New York Times” ha dedicato un’intera pagina per spiegare il “sistema innovativo” con cui si potrá votare per le primarie, ed ad un certo punto confessa che “non é chiaro” quando si sapranno i risultati delle elezioni.
Ma procediamo per ordine. Il nuovo metodo per votare, in questo caso solamente limitato alle primarie del candidato sindaco, si chiama “ranked-choice”, cioé classifica di scelta, ed ecco come funziona: gli elettori (coloro che sono iscritti al Partito Democratico) possono votare per cinque candidati su una lista di 13 (democratici), indicandone la prioritá di scelta (o classifica), come nell’illustrazione in alto.
Vince chi riceve piú del 50% dei voti come prima scelta. Ma se, ad esempio, la mia prima scelta non ricevesse abbastanza voti e uscisse dalla gara, e invece la mia seconda scelta fosse il candidato che riceve piú voti di prima scelta, il mio voto andrá a questo candidato. La scheda verrá invalidata se indicassi come prima scelta il nome di due o piú candidati. Chiaro, no?
Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
AnnieAnnieAnnie
ADVERTISEMENT
SfinakiSfinakiSfinaki
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT

Latest News

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Scroll to Top