San Valentino – religione o paganesimo ma tanto love per tutti

Di Vicky Paci

Adorato da molti, detestato da qualcuno, ma cos’è San Valentino oltre che cioccolatini e fiori, perché lo festeggiamo? E’ un giorno speciale in quasi tutto il mondo, una ricorrenza non solo dedicata agli innamorati ma anche, in diversi paesi, ai legami affettivi in generale. Le origini non sono chiare, la maggior parte solo leggende nelle piu’ svariate versioni che vedono la festa degli innamorati (che prende il nome dal Santo e martire cristiano San Valentino da Terni, vescovo decapitato per essersi rifiutato di convertirsi al paganesimo) affondare le sue radici all’epoca dell’antica Roma durante le celebrazioni in onore del dio della fertilità Luperco (che cadeva il 15 di febbraio) e l’apice della festa si raggiungeva quando le matrone romane correvano per le strade di Roma frustate da alcuni giovani, devoti al Fauno Luperco, coperti solo con pelli di lupo. Un rito in contrasto con la morale cristiana così che nel 496 Papa Gelasio I decise di sostituirla anticipando i festeggiamenti al giorno precedente dichiarandola festività religiosa. Altre tesi sostengono che durante la prigionia Valentino si fosse innamorato della figlia cieca di un custode della prigione la quale, grazie proprio alle preghiere del Santo, riacquistò la vista e l’ultimo messaggio rivolto all’amata venne firmato con la dicitura “dal vostro Valentino”. Un’altra storia dice che Valentino fu il primo a celebrare l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana: da cio’ l’ipotesi sulla sua capacità di riconciliare due innamorati portando loro una rosa. Non le abbiamo citate tutte, sono talmente tante da scriverci un libro ed il caos era tale che il 14 febbraio si comincio’ a commemorare anche un altro Valentino, un benefattore mai canonizzato vissuto anche lui nel III secolo e venne confuso col vero Santo. In ogni caso Febbraio resta il mese romantico per eccellenza e questo alone di love si deve a Geoffrey Chaucer un poeta che scrisse di “antiche leggende” in cui San Valentino veniva associato a narrazioni di amanti. In quel periodo a tutti piaceva fantasticare su storie e leggende e nella credenza popolare gli atti del Santo in favore degli innamorati si moltiplicarono. La pratica moderna di celebrazione della festa non e’ piu’ centrata sulla religiosita’ ma sul mero consumismo: scambio di messaggi d’amore e regali fra innamorati mentre nei paesi di cultura anglosassone uno dei tratti più caratteristici della festa è lo scambio di valentine, bigliettini d’amore indirizzati alla persona amata, raffiguranti cuori stilizzati, Cupido con l’arco e le frecce o altri temi tipici della rappresentazione popolare dell’amore. In Italia si festeggia con regali, fiori, scambio di promesse e cene al ristorante allestito a tema come anche in Germania e in Spagna. Negli Stati Uniti e Canada le celebrazioni sono un’occasione per esprimere gratitudine e affetto anche per gli insegnanti, i genitori o qualsiasi altro parente o conoscente e molte coppie tengono feste private in casa o nei ristoranti e si scambiano fiori o caramelle. In particolare il donare caramelle a San Valentino è sempre stata una tradizione molto popolare e lo è ancora. Paese che vai usanza che trovi: in molti luoghi non viene celebrata necessariamente il 14 febbraio. In Brasile ad esempio festeggiano il 12 giugno, giorno che precede la festa di Sant’Antonio patrono dei matrimoni: le donne nubili portano con sé una statuetta del Santo al quale affidano il loro desiderio di andare all’altare, in Giappone sono le donne a donare i cioccolatini agli uomini che non necessariamente sono mariti o fidanzati. A loro volta gli uomini che hanno ricevuto il regalo, un mese dopo (14 marzo) in occasione del White Day, ricambiano offrendo del cioccolato bianco. L’Argentina non si accontenta di un solo giorno ma vi dedica addirittura una settimana di festeggiamenti celebrando amore e amicizia verso i propri cari e scambiandosi dolci golosi. In Finlandia ed Estonia San Valentino è considerata la festa dell’amicizia piuttosto che degli innamorati, in Olanda la festa degli innamorati è l’occasione per dichiarare il proprio amore attraverso cartoline e regalando un cuore di liquirizia, in Danimarca, seguendo un’usanza introdotta dalla regina Margareta nel Medioevo, in occasione di San Valentino le donne possono fare la proposta di matrimonio al proprio innamorato. Dove non si festeggia? In Russia e in altri stati dell’Ex Urss a maggioranza ortodossa il San Valentino non viene festeggiato e soprattutto non viene accettato da molti governi che vietano questa ricorrenza in quanto non è presente nel calendario religioso. In conclusione anche se il consumismo ha fatto perdere di vista la semplicità dei sentimenti ancora oggi la festa degli innamorati mantiene intatto il suo fascino.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
AnnieAnnieAnnie
ADVERTISEMENT
Daniela MuranoDaniela MuranoDaniela Murano
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT

Latest News

Scroll to Top