Orto e giardino: La Carruba

Di Alessandro Pizzoleo

La carruba è un frutto oggi quasi dimenticato con cui abbiamo perso familiarità. È, invece un frutto dalle notevoli qualità ma purtroppo è difficilmente reperibile, lo si può trovare solo in negozi alimentari ben forniti, nel reparto della frutta secca, ma, a volte, con costi abbastanza elevati. La carruba è il frutto dell’albero del carrubo ed appartiene alla stessa famiglia dei legumi, quela delle Fabaceae e al genere Ceratonia e in Italia viene coltivato quasi esclusivamente a scopo ornamentale. In Puglia vi sono alberi maestosi negli oliveti secolari, il frutto veniva usato per alimentazione umana e principalmente integrato negli alimenti per animali per le sue proprietà molto nutrienti. La carruba è originaria della Siria e da lì si è diffusa in Europa, Africa settentrionale, nel Medioriente, e Asia occidentale. Oggi la carruba viene coltivata soprattutto in Spagna, Portogallo, Africa settentrionale e in alcuni Paesi del Medioriente. In Italia piantagioni di carrube si possono trovare nella costiera Ligure e un po’ in tutto il centro sud. L’etimologia del nome viene dal sostantivo arabo ” KHAARUB” ma la carruba è conosciuta anche come  “Il pane di S. Giovanni” ; perché, la leggenda vuole che il profeta si nutrisse di questo frutto durante i periodi di ascsesi nel deserto. Il carrubo è un albero sempreverde dall’aspetto maestoso, che arriva anche a 10 metri di altezza e vive fino a 500 anni, e che  trova il suo habitat naturale in terreni rocciosi e calcarei con climi caldi. Ha fusto eretto, largo e tozzo, molto ramificato e una chioma tondeggiante e folta. le foglie sono grandi e spesse, di colore verde scuro, lucido. In estate produce numerosi fiori rossastri, ma solo le piante femminili fruttificano. I frutti del carrubo sono baccelli indeiscenti, verdi, che diventano marrone scuro a maturità, lunghi circa 15 cm e contenenti semi durissimi, rotondi e piatti, commestibili. Grazie al suo alto contenuto di fibre e polifenoli, la carruba aiuta in caso di alterato transito intestinale, disturbi digestivi, e acidità. Inoltre abbassa i livelli di colesterolo nel sangue ed è un coadiuvante nelle diete dimagranti, perché interferisce nell’azione degli enzimi digestivi e aiuta a creare un senso di sazietà. La carruba è anche un’ottima alternativa al cacao, per questo alimento, perché la sua polpa ha un sapore dolciastro simile a quello del cacao, senza le stesse calorie. Per di più la carruba è priva di glutine e quindi adatta a chi soffre di celiachia.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
AnnieAnnieAnnie
ADVERTISEMENT
Daniela MuranoDaniela MuranoDaniela Murano
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT

Latest News

Scroll to Top