Lettera all’editore

La settimana scorsa il Canada ha festeggiato il suo 153° compleanno. Le celebrazioni del Canada Day sono state diverse quest’anno, ma il 1° luglio ci ha dato comunque l’opportunità di riflettere su cosa significa essere canadesi e su quanto siamo fortunati a vivere in un Paese così bello, pacifico e pieno di risorse. Quest’anno il Canada Day è stato molto speciale per me. Infatti, questo mese segna il mio primo anniversario come senatore canadese. Nel corso della nostra storia, solo circa mille canadesi hanno avuto il privilegio di servire come senatore. Riconosco l’unicità di questa opportunità e non la sprecherò.

Va da sé che il mio primo anno in Senato non è stato quello che mi aspettavo. Avevo anticipato il dibattito su questioni di interesse nazionale come l’assistenza medica in caso di morte, le politiche climatiche del Canada, il divieto delle armi da fuoco d’assalto e altro ancora. Invece, la pandemia ha travolto la nostra nazione (e il mondo) e il Parlamento è stato chiamato invece a rivedere e adottare una legislazione d’emergenza relativa alla COVID-19 che ha fornito un sostegno finanziario molto necessario a milioni di canadesi.

Più recentemente, il Senato ha adottato due progetti di legge che concedono al governo fondi per la pubblica amministrazione federale, tra cui quasi due miliardi di dollari alla Public Health Agency of Canada per l’acquisto di dispositivi di protezione e attrezzature mediche. Prima di votare sulla questione, Jean-Yves Duclos, Presidente del Consiglio del Tesoro e Bill Morneau, Ministro delle Finanze, si sono presentati al Senato per parlare del piano di spesa del governo. Ho chiesto ai ministri l’impegno del governo a sostenere l’Ufficio del Revisore generale e la sua capacità di controllare adeguatamente i programmi relativi al COVID. Ho anche accennato al fatto che il governo potrebbe aver bisogno di spostare la sua direzione politica degli aiuti di sostegno agli stimoli economici per contribuire a iniettare nell’economia il denaro necessario per il rilancio dell’economia.

Oltre a COVID, il mese di maggio 2020 sarà ricordato per sempre per la morte ingiusta e prevenibile di George Floyd negli Stati Uniti e per l’urgente necessità per noi, come società, di affrontare il razzismo anti-nero e anti-Indigeno. Il razzismo e la discriminazione non sono una novità per il Canada ed è ancora oggi un problema – non si può negare. I senatori si sono rifiutati di restare inattivi e hanno voluto affrontare la questione in modo significativo.

Per questo motivo, il 18 giugno il Senato ha tenuto un dibattito d’emergenza sull’argomento, dove molti dei miei colleghi hanno condiviso la testimonianza di cuore. Molti hanno fornito misure concrete su come combattere il razzismo sistemico ed eliminare le barriere per consentire più eque e pari opportunità in tutti gli aspetti della società, compresa l’imprenditorialità, la pubblica amministrazione e il sistema giudiziario. Ci siamo anche riuniti in una commissione dell’insieme e insieme ai miei colleghi ho posto ai ministri del governo federale domande difficili sul ruolo del governo federale nell’affrontare il razzismo e nel porre fine al razzismo sistemico. Inoltre, c’è una mozione davanti al Senato che ci chiede di colpire una nuova commissione speciale del Senato sul razzismo sistemico. Quando il Senato si riunirà di nuovo in settembre, spero che il Senato si muoverà rapidamente per creare questa nuova commissione.

Alla fine di questo mese, il Comitato Nazionale delle Finanze, di cui sono membro, dovrebbe pubblicare il suo primo rapporto intermedio come parte del suo studio sulla risposta del governo alla pandemia COVID-19 e le sue conseguenze economiche. Questo rapporto includerà numerose raccomandazioni che il governo del Canada dovrà seguire. In autunno, il Comitato rivolgerà la sua attenzione su come possiamo ricostruire l’economia. Mi è chiaro che “business as usual” non sarà più possibile.

Nonostante tutte le turbolenze causate da COVID, i canadesi hanno dimostrato molta resistenza, e molte aziende canadesi hanno intensificato il loro gioco essendo ingegnose e adattabili di fronte alle avversità. Le prossime settimane, i prossimi mesi e i prossimi anni saranno una sfida per i canadesi, per la nostra economia e per la nostra società nel suo complesso. Tuttavia, sono fiducioso che le aziende canadesi abbiano i mezzi, l’intraprendenza e l’ambizione per avere successo e adattare i loro modelli di business.

Infatti, penso che sia parte del DNA del Canada essere all’altezza della sfida e vedere un’opportunità in mezzo a tutta questa incertezza. Mi rendo conto che non è stato facile per milioni di canadesi negli ultimi mesi, ma spero che ne usciremo più forti e più uniti che mai. Mi impegno certamente a lavorare sodo e a contribuire nel miglior modo possibile per contribuire a plasmare la ripresa del Canada e a fornire sostegno, consigli e voce a chi ne ha bisogno.

Superare questa crisi (e battere questo virus) non è uno sprint, è una maratona e dobbiamo essere pronti per il lungo periodo. Ci saranno urti e lividi lungo il percorso, ma esorto tutti noi a tenere gli occhi sul premio e a non diventare troppo sicuri di sé o sfaticati nel momento in cui riapriremo gradualmente le attività, i servizi e gli spazi pubblici.

Per chi fosse interessato, tutti i miei interventi in Camera possono essere consultati sul mio sito web del Senato: https://sencanada.ca/en/senators/loffreda-tony/

 

Lo supereremo insieme.

L’onorevole Tony Loffreda, CPA Senatore indipendente canadese (Quebec)

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
AnnieAnnieAnnie
ADVERTISEMENT
SfinakiSfinakiSfinaki
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT

Latest News

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Scroll to Top