Le promesse esagerate delle auto elettriche

di Dom Serafini

Lasciamo da parte il rumore, o la sua mancanza, che ha richiesto ben cinque pagine di spiegazioni nel numero cartaceo del settimanale americano super-liberale, uber-ecologico The New Yorker del 8 agosto, 2022.

Sorvoliamo per ora sul costo energetico richiesto per la costruzione dei nuovi veicoli e per il loro trasporto nei punti vendita.

Passiamo piuttosto a cercare di capire quale sia il modo migliore per ricaricare le batterie ed il costo energetico associato con la ricarica. Una buona rete di colonnine per le ricariche (senza contare quelle manomesse, non funzionanti o di potenza troppo basse), richiederebbe una stazione ogni 24 km con un tempo di 20 minuti per l’80% della ricarica. Questo assumendo che si trovi subito una colonnina libera, altrimenti il tempo potrebbe raddoppiare. Per i lunghi percorsi, considerando un’autonomia di 400 km, il tempo medio impiegato per le ricariche non dovrebbe essere piú di 60 minuti. Inoltre, si puó anche disporre di una rete di sostituzione delle batterie dove, invece di ricaricarle, si scambia la batteria scarica con una carica.

Per quanto riguarda il costo energetico richiesto per una ricarica é equivalente a quello del gasolio/benzina (cioé 60 kWh o 6 litri, altri studi indicano un pieno di 50 litri equivalente a 500 kWh), naturalmente e specialmente nelle zone soleggiate, parte dell’energia potrebbe arrivare da pannelli solari.

Se questi dati sono opinabili, ció che é certo é che per alimentare una nuova generazione di EV serviranno piú centrali elettriche. Di giá in California durante gli alti picchi di consumo elettrico, le autoritá hanno richiesto anche di ridurre il numero di ricariche delle EV per risparmiare energia.

Tornando al costo energetico per la costruzione di nuovi veicoli, questo é calcolato a 25.000 kWh e 450.000 litri d’acqua per la produzione in fabbrica di ogni vettura. Vi é poi il fattore CO2, calcolato da Konstantinos Boulouchos, professore all’istituto di tecnica energetica del Politecnico di Zurigo: per l’assemblaggio dell’auto elettrica si emettono tra 20 e 45 tonnellate di CO2. 40 tonnellate di CO2 equivalgono alle emissioni generate dall’impiego di 14 mila litri di benzina e 12.500 litri di gasolio.

Quindi la migliore soluzione ecologica é attualmente acquistare un’auto usata.

Per quanto riguarda la mancanza di produzione di rumore delle EV, questo verrá inserito artificialmente e sará richiesto per legge al fine di proteggere pedoni e ciclisti.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT
SfinakiSfinakiSfinaki
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT

Latest News

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Scroll to Top