LA voce di Napoli al Vancouver Folk Music Festival

web10.jpgDi Anna C. Foschi

Una confessione, tanto per cominciare. In tutti questi anni trascorsi a Vancouver non ero mai andata al Vancouver Folk Music Festival che si svolge ogni anno a Jericho Beach Park. Il motivo? non certo per sfuggire all’ ascolto della musica folk, che anzi mi piace abbastanza, ma perché detesto i grandi agglomerati di folla.
Ci son voluti due napoletani, Ilaria Graziano e Francesco Forni, invitati a dare una serie di concerti al festival, per vincere la mia riluttanza che in questo caso era ingiustificata. Il parco è grande, la folla c’era ma tranquilla e disciplinata e non tale da farti sentire ‘ intrappolata’.
Anzi, mi ha stupito il grande numero di seniors, molto vispi a dire la verità, disinvoltamente seduti o semisdraiati sul prato, beati loro che poi ad alzarsi viene il brutto, veterani forse di decadi di festivals e forse ex-figli dei fiori.
Comunque anche i giovani che avevano formato un circolo danzante vicino al palcoscenico ondeggiavano a passo di danza a sottolineare la musica del duo napoletano.
Ilaria Graziano e Francesco Forni sono decisamente cosmopoliti e senza frontiere. La loro musica include elementi del folk, blues, inquietudine contemporanea, country, echi di tango argentino, qualcosa della tradizione del Mittel-Europa, influenze messicane, texane, qualcosa di napoletano, insomma sono composizioni fluide, dal ritmo ipnotico e coinvolgente, con testi in italiano, inglese, spagnolo e dialetti del Sud. I due costituiscono una intera orchestra o quasi: Ilaria e Francesco oltre che cantare suonano ukulele, chitarra e stomp box. La voce di Ilaria ha un che di viscerale e i toni profondi e caldi di Francesco accompagnano la sonorità ritmica o le note languide che ricava dalla sua chitarra. Il loro sodalizio artistico li ha portati in giro per il mondo a fare concerti e ha prodotto numerosi albums e edizioni singole discografici di successo, l’ultimo dei quali è l’ album Twinkle Twinkle.
Le loro composizioni hanno servito da colonna sonora a numerosi films, come “Falene” e “Mutande di ricambio” di Andres Arce Maldonado, “Le conseguenze dell’amore” di Paolo Sorrentino, “Volevo solo dormirle addosso” di Eugenio Cappuccio e- “Goulash” di Alfredo Mazzara.
Di premi ne hanno collezionati parecchi, a cominciare da: East Coast per la migliore colonna sonora (Arezzo Wave 2000), il Rockness 2000, Girulà 2003, il miglior Demo 2005 e poi di nuovo nel 2010: “Spaghettimusic”, il Premio Pavanello 2004, Risonanze 2004-MayDay Awards, nel 2008, e poi eccoli vincere il Premio L’isola che non c’era, e il Lamezia Demofest 2009.
Anche questa volta il Consolato Generale d’Italia a Vancouver e il suo Ufficio Culturale diretto da Gianluca Biscardi hanno svolto una parte di tutto rilievo nel consentire e sostenere la presenza dei due artisti al festival svoltosi a Vancouver. Con il Consolato hanno collaborato per la tappa nella B.C. la Caravan World Rhythms (Victoria), Harrison Festival (Harrison), Vancouver Folk Music Festival (Vancouver). La tournée canadese Graziano-Forni ha inoltre usufruito in parte dell’ appoggio dell’ Istituto Italiano di Cultura di Montreal e quello di Toronto.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
Cannoli KingCannoli KingCannoli King
ADVERTISEMENT
Daniela MuranoDaniela MuranoDaniela Murano
ADVERTISEMENT
Annies PlaceAnnies PlaceAnnies Place
ADVERTISEMENT

Latest News