Filippo Gorini, magia del pianoforte

A soli ventitré anni si trova già nel ristretto empireo dei pianisti classici seguiti con attenzione e rispetto dal pubblico e dalla critica internazionali. Filippo Gorini, il ragazzo di Segrate, in provincia di Milano, che ha vinto una serie di concorsi internazionali e si è esibito nelle sale da concerto piú illustri d’Europa, sarà a Vancouver domenica 17 febbraio per esibirsi alla Playhouse in un concerto, con inizio alle ore 3:00 P.M., che comprende musiche di Beethoven, Bartók e Stockhausen. L’evento organizzato tramite la Vancouver Recital Society è sponsorizzato da Judith and Paul Hansen, City of Vancouver, Royal Bank. Gorini viene da una famiglia con interessi musicali spiccati, anche se suoi genitori hanno una formazione scientifica. Già a cinque/sei anni aveva confidenza con le note e con il pianoforte ma lo studio intensivo dello strumento lo ha iniziato a 12 anni, quando si è reso conto che la musica era la sua vocazione. Ha conseguito una laurea con lode al Conservatorio G. Donizetti di Bergamo, dove ancora si perfeziona con Maria Grazia Bellocchio, la sua insegnante del Conservatorio. Frequenta anche le classi magistrali impartite da pianisti celebri come Pavel Gililov, Andrei Gavrilov, Alexander Lonquich, Peter Donohoe e Cristopher Elton, perché come per ogni professionista serio, citando il titolo di una commedia di Eduardo De Filippo Gli esami non finiscono mai. A riprova che la disciplina e é’impegno costante sono indispensabili se si vuole raggiungere ll’eccelleza, basta ricordare la celebre frase di Niccolò Paganini a proposito della sua maniacale devozione allo studio del violino: Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico. E il giovane Gorini deve la sua ascesa anche alla sua tenacia e alla sua capacità di programmare il suo percorso artistico e di apprendimento per poter affrontare spartiti difficili e spaziare nel suo repertorio dalla musica classica e dalle grandi opere del passato alla musica contemporanea, suonando brani di autori come Stockhausen, Boulez e Sciarrino. Come si legge nella sua website (www.filippogorini.it) nel 2015 si è messo in luce vincendo il primo premio e i premi del pubblico nel concorso Telekom-Beethoven di Bonn A maggio 2018 ha ricevuto inoltre il premio Una vita per la musica – Giovani del Teatro La Fenice di Venezia, che si aggiunge ad altri premi quali il premio Beethoven-Ring di Bonn, il premio del Festival Young Euro Classic di Berlino (2016), il primo premio al Concorso Neuhaus del Conservatorio di Mosca (2013). (Konzerthaus di Berlino, Gewandhaus di Lipsia, Laeiszhalle ed Elbphilharmonie di Amburgo, Herkulessaal a Monaco, Philharmonie di Parigi, Studio Flagey di Bruxelles, Royal Academy of Music di Londra, Conservatorio di Mosca, e inoltre a Istanbul, Bratislava, Varsavia, Pechino, Seoul…). In Italia è ora presente in molte delle più importanti rassegne musicali a livello nazionale (Società del Quartetto di Milano, Società Filarmonica di Trento, Amici della Musica di Perugia, Accademia Filarmonica Romana, Orchestra Sinfonica di Palermo, Festival Pianistico Bergamo e Brescia, e molte altre). Affianca alla carriera da solista la musica da camera: nel corso del 2016 è stato invitato a suonare a Kronberg nel progetto Chamber music connects the world con Steven Isserlis, su cui invito parteciperà a settembre alla Open Chamber Music Week di Prussia Cove, in Inghilterra. Più recentemente si è esibito con Marc Bouchkov alla Reithalle di Monaco e ha collaborato con l’attore Klaus Maria Brandauer, l’ interprete indimenticabile di Mephisto, Out of Africa e il diabolico rivale di James Bond in Never Say Never Again. I suoi concerti sono trasmessi in tutta Europa.La visita a Vancouver di Gorini fa parte di una serie di concerti in Canada, USA ed Europa. Nel programma di questa stagione inoltre si esibirà con orchestre quali l’Orchestra Verdi di Milano nel Secondo di Brahms, l’Orchestra Sinfonica delle Fiandre nel Terzo di Beethoven, e l’Orchestra Sinfonica Siciliana nel Primo di Beethoven.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
Annies PlaceAnnies PlaceAnnies Place
ADVERTISEMENT

Latest News