ADVERTISEMENT
West Coast Liquor StoreWest Coast Liquor StoreWest Coast Liquor Store
ADVERTISEMENT

L’informazione si scontra contro la propaganda

Di Dom Serafini Per definizione, la “propaganda” è un sottoprodotto delle dittature (come accade in Russia e Cina), mentre l’”informazione” è associata alle democrazie. Le “informazioni” sono soggette a pesi e contrappesi provenienti da varie fonti. La “propaganda” è imposta da una fonte, di solito distorcendo o manipolando le informazioni. Potere esprimere opinioni contrastanti è

Read More »

Il digitale come filosofia

Di Dom Serafini Ultimamente in Italia la narrativa sull’informazione si sta concentrando sull’aspetto filosofico della tecnologia digitale con libri, articoli e convegni. Cosa che non succede, ad esempio, negli Usa dove il digitale viene trattato per quello che é: una tecnologia che permette diverse forme di distribuzione. In passato, una prima forma di distribuzione era

Read More »

I nuovi palinsesti Tv americani sotto l’influenza di Wall Street

Di Dom Serafini  Il mondo televisivo americano si sta preparando al tradizionale bazar di metá maggio, quando le reti anticipano alle agenzie pubblicitarie e agli inserzionisti i loro palinsesti per l’autunno 2022-primavera 2023, con un evento chiamato “Upfront”. Per quanto riguarda il settore broadcast, per la nuova stagione televisiva le reti (principalmente Abc, Cbs, Nbc,

Read More »

Tre domande sugli sbagli con la Russia

Di Dom Serafini Sull’Ucraina i conti non tornano. Gli americani sapevano che la Russia avrebbe invaso il paese confinante e avevano informato l’opinione pubblica internazionale con dettagli freschi e costanti come se fossero in una diretta televisiva. Gli americani si sono sbagliati sulla data, visto che il dittatore russo Putin aveva promesso al dittatore cinese

Read More »

La democrazia negli Usa in pericolo

Di Dom Serafini Un commento su “The New York Times” del 12 dicembre, 2021 espone 5 punti principali: *Il Partito Repubblicano rappresenta un pericolo per la democrazia. *Il potere politico delle zone rurali, per la maggior parte repubblicane, é sproporzionato rispetto alla popolazione. *Il Partito Democratico potrebbe perdere la maggioranza sia al Congresso che al

Read More »

Risposta: Lettera all’editore

Caro direttore, ho letto la rettifica della dott.ssa Tiboni e posso solo aggiungere che, da quando questo abruzzese ha fondato VideoAgenel 1981 a New York City e Los Angeles (ora la principale rivista specializzata di Hollywood per la compravendita di contenuti audivisivi), non ho mai incontrato un rappresentante del Premio Flaiano a fiere o festival audiovisivi

Read More »

Lettera all’editore

Gentile Direttore, La invito a voler provvedere alla pubblicazione della rettifica relativamente all’articolo pubblicato il 29 novembre 2021 sulla pagina del sito www.ilmarcopolo.com dal titolo: “Perché l’Abruzzo è senza una film commission operativa” di Dom Serafini in quanto il contenuto è diffamatorio e lesivo dell’immagine dei Premi Internazionali Flaiano. Nel tentativo alquanto maldestro di screditare i Premi il sig.

Read More »

Perché l’Abruzzo é senza una Film Commission operativa

Di Dom Serafini Probabilmente Hollywood conta piú personaggi di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, e in un libro di prossima pubblicazione ne elenco alcuni (in anteprima la foto della copertina). Il problema é che l’Abruzzo non ha mai saputo sfruttare questo privilegio e la dimostrazione lampante é che non ha una Film Commission

Read More »

A salvarci dal “Political Correct” ci pensa l’umorismo ebraico

Di Dom Serafini Ultimamente ho scoperto delle vecchie barzellette ebraiche. Con la “Cancel Culture” ed i vari movimenti politici che censurano il tradizionale senso dell’umorismo, l’unico baluardo dell’anti-conformismo miracolosamente rimasto intaccato é quello generato dalle barzellette ebraiche (principalmente del ramo ashkenazi, dell’est Europa), che vanta anche una vasta letteratura. Queste vengono raccontate spesso in occasioni

Read More »

Ho lasciato il “New York Times” per sposare il “Wall Street Journal”

Di Dom Serafini Ho lasciato il “New York Times” per il “Wall Street Journal”. Ora acquisto il “Times” solamente di domenica, principalmente per il suo “Book Review” e perché il “WSJ” esce dal lunedí al sabato. La separazione dal “Times” é stata consensuale, con la crisi che andava avanti da almeno sette anni. Per la

Read More »
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
AnnieAnnieAnnie
ADVERTISEMENT
SfinakiSfinakiSfinaki
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT
ADVERTISEMENT

Latest News

Scroll to Top