Buon compleanno Repubblica Italiana con la leggendaria Orchestra Casadei

di Anna Foschi

La storia dell’Orchestra Beach Band Casadei si intreccia con la storia d’Italia degli ultimi 80 anni, da quando cioè il capostipite Secondo (Aurelio) Casadei, compositore e autore di oltre mille brani musicali, nel 1928 fondò il complesso musicale specializzato nel genere musicale del ballo liscio e nella diffusione della musica da ballo della Romagna.
Da allora, una serie ininterrotta di successi e enorme popolarità in Italia e nel mondo.
La Casadei è una storia di successo familiare continuato e aumentato dai discendenti del capostipite Secondo: dal popolare e dinamico Raoul, che dagli anni ’70 al 2000 rivoluzionò l’organizzazione orchestrale e introdusse sviluppi e cambiamenti adatti ai tempi, fino a suo figlio Mirko che oggi è il volto della leggendaria orchestra.
Tanto leggendaria che il suo genere non tramonta mai, anzi perfino le ultimissime leve di cantanti, rappers e via dicendo infilano citazioni nei testi delle loro canzoni, come fanno J-Ax (nelle balere metteremo i DJ, l’orchestra Casadei suonerà i Green Day) o Gabry Ponte (Siamo figli di Pitagora e di Casadei, di Macchiavelli e di Totò.) Quindi, per il compleanno della Repubblica Italiana festeggiato il 6 giugno al Centro Italiano, non poteva esserci scelta più felice. Mirko Casadei, (voce e chitarra) Valeria Magnani (voce femminile) e gli altri sei componenti della banda hanno generato uno tsunami di ritmo e allegria.
Nello spazio lasciato a disposizione per I ballerini nel salone (e come si fa a star fermi sulla sedia quando suonano il liscio?) si sono lanciate le coppie a volteggiare e turbinare a ritmo del valzer romagnolo e sull’onda di nuove e classiche melodie come Ciao Mare, Romagna mia e Romagna e Sangiovese, che come sappiamo, è il liquido, rosso e generoso santo protettore della gente romagnola, e una fondamentale bandiera del Romagnolo Pride di cui i Casadei sono gli alfieri. Al termine della vorticosa esibizione musicale, si sono spalancate le porte del paradiso, almeno di quello gastronomico, quando le varie associazioni culturali hanno scoperchiato i vassoi e offerto il cibo.
Nella scala delle delizie paradisiache, chi scrive mette al primo posto i cannoli siciliani che buoni così li si assaggia solo in queste occasioni.
Non mi vergogno di dire che ricorro a trucchi e piaggerie pur di accaparrarmene qualcuno in più.
Il concerto è stato preceduto dall’ingresso dei nostri Alpini che hanno sfilato con i loro gagliardetti, e da una serie di discorsi ufficiali delle autorità, fra le quali il Console Generale d’ Italia Dr. Massimiliano Iacchini, che ha anche porto il suo saluto finale alla comunità dato che è giunto al termine del suo mandato a Vancouver.
Si sono susseguiti sul podio il Presidente del Centro Michael Cuccione, il Consigliere Rocco Di Trolio, il Vice-Ministro dell’Agricoltura della B.C. Wes Shoemaker, l’ospite speciale onorevole Laura Boldrini, deputata al Parlamento italiano, e l’On. Simona Caselli, Ministro dell’ Agricoltura dell’ Emilia-Romagna. Alla realizzazione della serata hanno contribuito un folto gruppo di sponsors, fra i quali il Consolato Generale d’Italia, la Regione Emilia-Romagna, il Centro Italiano, Comites, CGIE, Newway, ICC in Canada-West, Parmigiano Reggiano, Enoteca Regionale Emilia Romagna, Mortadella Bologna, Bosa Properties, Onni, Federazione Pugliese Clubs e tanti altri che meritano gratitudine per aver contribuito ad offrire una serata così opulenta e piena di allegria.

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
Greater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit UnionGreater Vancouver Community Credit Union
ADVERTISEMENT
Cannoli KingCannoli KingCannoli King
ADVERTISEMENT
Daniela MuranoDaniela MuranoDaniela Murano
ADVERTISEMENT
Annies PlaceAnnies PlaceAnnies Place
ADVERTISEMENT

Latest News