Note di viaggio: Incontri con giovani imprenditori di Puglia

IMG_20180911_114644_resized_20180911_030926701Di Anna Ciampolini Foschi

L’estate è ancora in pieno corso in Puglia, in questi giorni di settembre. Dopo un intervallo di qualche anno, mi sono decisa a tornare in Italia, questa volta per un trascorrere un periodo di soggiorno nella penisola Salentina in questa regione del profondo Sud che non avevo mai visitato finora. Mi sono resa conto di essere così profondamente assuefatta allo stile di vita e della mentalità canadese e nordamericana in genere e che quindi sto ancora attraversando una fase di adattamento culturale sotto certi aspetti. Questo mi porta a meravigliarmi e a provare una certa riprovazione ad esempio per le disinvolte abitudini di alcuni automobilisti locali, per la loro suprema indifferenza alle regole di corretto parcheggio, per la loro tendenza a conversare a telefonino e considerare i segnali di STOP come una mera decorazione stradale e per l’avversione abbastanza diffusa all’uso delle cinture di sicurezza. Però non posso altro che ammirare la loro estrema abilità di manovrare velocemente, fermarsi a pochissimi centimetri prima che avvenga un disastro e continuare con invidiabile sicurezza a districarsi nella giungla stradale. Noto inoltre che mentre la nostra Vancouver si è guadagnata la fama di aspirante capitale mondiale della solitudine dato che tutti si lamentano della difficoltà di fare amicizie, socializzare etc. qui ci troviamo al polo opposto. Nei paesi e nelle cittadine di piccola dimensione, le vite degli abitanti sono un libro aperto per tutti: matrimoni, battesimi, funerali, parentele e cronologie familiari indietro fino a tre o quattro generazioni sono portate a conoscenza dell’ ospite (che sarei io) esplorate e analizzate nei dettagli con tanta vividezza che anche a me sembra di conoscere da sempre vita, morte e miracoli delle persone in questione. Non mancano certo da queste parti la forza e il calore delle tradizioni familiari. Nella masseria dei miei ospiti, si svolgono epiche cene a tarda sera. Vi partecipano, quando si tratta di una cosetta intima, non meno di 25 persone e penso non esista un tetto al numero di partecipanti quando i miei squisiti ospiti decidono di fare le cose in grande.
In un momento di incertezza economica come quello che l’Italia sta attraversando e di cui si avverte il disagio soprattutto nel Sud, esiste per fortuna una grossa riserva di capacità e iniziativa imprenditoriale su cui la regione può contare. Mi è capitato recentemente di incontrare una giovane imprenditrice di Fasano in provincia di Brindisi, titolare della Pantaleo Agricoltura, una bellissima masseria che coltiva esclusivamente prodotti biologici di prima qualità appartenenti alla tradizione agraria della Puglia. L’azienda viene condotta con metodi moderni ma rispettosi della tradizione. Luisa Pantaleo, una energica e competente agronoma, dirige dal 2008 l’ azienda di famiglia la quale (e qui citiamo direttamente dal loro opuscolo illustrativo) produce e trasforma olio e prodotti orticoli, in particolare pomodori con la specialità Regina di Torre Canne. I prodotti sono biologici e recano il logo biologico europeo. L’azienda esporta anche sui mercati esteri. Con il riconoscimento ufficiale della Provincia di Brindisi, la Pantaleo Agricoltura offre sino dal 2013 corsi e seminari educativi allo scopo di promuovere una cultura agraria ispirata dai valori del rispetto dell’ambiente, delle scelte nutritive consapevoli e della ottimizzazione delle tecniche di coltivazione.
Arcangelo Suma, titolare della Suma S.r.l., un pastificio situato nella bella e accogliente cittadina di Ceglie Messapica in provincia di Brindisi, è un altro giovane e dinamico imprenditore la cui passione per il proprio lavoro, anzi direi: la propria missione, risulta contagiosa fino dal primo incontro. Arcangelo ci ha infatti condotto a visitare il suo stabilimento spiegando la funzione dei vari macchinari per la lavorazione, essiccazione e tutte le fasi della lavorazione della molte qualità di pasta secca e pasta fresca che produce con attenzione ai sapori e metodi artigianali e tradizionali ma anche con apertura a innovazioni come la produzione di Pasta alla Malvasia e altri sapori. Aperto nel 1978 dal padre di Arcangelo, Antonio Suma, il pastificio ben presto si sviluppò da piccola impresa artigiana fino a diventare una vera e propria moderna azienda a conduzione familiare diretta oggi dai figli di Antonio, cioè Arcangelo e Antonella.
In un campo completamente diverso cioè quello della ricreazione, Angelo e Nunzia, una coppia di volenterosi titolari di una scuola di ballo, gestiscono il locale Notre Dame situato nella Masseria Lella a Grottaglie (Taranto). Il Notre Dame, di proprietà dell’agricoltore Alessandro Pizzoleo, immerso nel verde degli uliveti e dotato di pizzeria e bar, ha un ampio salone e un altrettanto ampio spazio esterno per le serate estive all’aperto. Da Grottaglie e dai paesi limitrofi vi si danno appuntamento gli appassionati di ballo liscio, dei balli figurati e di tutti gli altri tipi di danza e qui i lettori mi scuseranno se mi mantengo nel vago nel descriverli, ma io appartengo alla categoria di chi ha two left feet. Tutto quello che posso fare è sedermi nel locale sorseggiando una birra per darmi un contegno mentre ammiro la bravura dei ballerini appassionati e degli allievi di Angelo e Nunzia.
Insomma, la sensazione che si prova durante questi colloqui e incontri con professionisti pugliesi dei vari campi imprenditoriali è quella di una gente e di una terra che conservano un fortissimo orgoglio della propria identità, delle proprie tradizioni e della propria storia ma allo stesso tempo non ne sono condizionati e non temono di aprirsi a nuove prospettive imprenditoriali e all’esplorazione di nuovi sbocchi di mercato. La giovane generazione di imprenditori rappresenta una sintesi felice fra il rispetto per la tradizione e i suoi antichi e solidi valori e la volontà di accettare le sfide del mercato e del mondo contemporaneo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...