CELEBRAZIONE DELLA FESTA DELLA REPUBBLICA AL CENTRO ITALIANO

web3Di Anna Ciampolini Foschi

Come ogni anno ci siamo ritrovati in gran numero alla Festa della Repubblica che celebra la storica svolta con cui il voto popolare del referendum del 2 e 3 giugno 1946 trasformò la forma di governo dell’ Italia che fino allora era una monarchia costituzionale, in una repubblica parlamentare. Votarono per la prima volta anche le donne e fu la prima volta nella storia italiana in cui si svolsero votazioni a suffragio universale.
Noi qui a Vancouver l’abbiamo celebrata al Centro Italiano la sera del 7 giugno invece della data ufficiale, ma il piccolo strappo alla regola non ha certo diminuito la festosa allegria che caratterizza la partecipazione della nostra comunità. Preceduta da un ricevimento offerto dal Console Generale d’ Italia Dr. Massimiliano Iacchini,al quale hanno presenziato autorità del governo provinciale della BC e della City of Vancouver, la serata è stata quanto di più scintillante si possa immaginare. Merito di due cose: i discorsi di rito delle autorità intervenute sono stati misericordiosamente succinti e il complesso musicale arrivato dall’ Italia per intrattenere gli ospiti si è rivelato semplicemente strepitoso.
Mark Zitti e I Fratelli Coltelli, una band composta da 6 giovani musicisti (Andrea Feliciani, Mauro Gubbiotti, Filippo Sebastianelli, Federico Tassani, Stefano Serafini, Emiliano Rodriguez) mescolano con sapienza, umorismo e incredibile senso del ritmo molteplici correnti musicali che vanno dallo swing al jazz al pop al classico melodico, e reinterpretano in maniera personalissima e scanzonata anche i classici che più classici non si può come ad esempio le canzoni napoletane tradizionali.
Ripropongono con un elegante escursione nel passato, artisti talentuosissimi e d’ avanguardia per la loro epoca come fu Fred Buscaglione con le sue canzoni “noir”, iconici come Dean Martin, Rosemary Clooney, Modugno, melodie come “Sway with me” interpretata da quasi tutti i cantanti illustri del nostro pianeta incluso il nostro Michael Buble, o come “Volare” e “Mambo italiano”.
Irrompono sul palcoscenico con tanta allegria e tanta energia da fare venire voglia di ballare anche agli ultracentenari, agli eremiti e ai pessimisti inguaribili. Infatti parte del pubblico non ha retto e si è scatenata nelle danze.
Insomma, grazie, grazie di cuore al Console Generale, alla sua consorte, ai COMITES, CGIE, the Italian Cultural Centre, Aquilini Investment Group and Newway Group e a tutte le persone che si sono adoperate per regalarci questo divertimento genuino e questo intrattenimento musicale di alta qualità.
Dobbiamo sottolineare che all’ inizio della serata sono intervenuti in sala i rappresentanti delle associazioni d’ arma, i nostri beneamati Alpini e i Bersaglieri.
Al termine, il paradiso gastronomico si è spalancato davanti ai partecipanti sotto forma di vari tavoli dove le associazioni regionali offrivano il meglio della loro tradizione locale e come sempre la gente ha mostrato di apprezzare colmandosi i piatti di leccornie da gustare.
In chiusura, vogliamo rendere omaggio al Professor Franco Mammarella, ingegnere nucleare, responsabile dei progetti ARIEL E TRIUMF della UBC, già Presidente dellas ARPICO e scienziato di valore internazionale, al quale il Console Generale d’ Italia, a nome del Presidente della Repubblica, ha conferito l’alta onorificenza di Cavaliere dell’ Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Questo riconoscimento, destinato a chi eccelle nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte ai fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari viene infatti assegnato dal Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, dopo aver sentito la Giunta dell’ Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana.
Con umiltà, nel suo discorso di ringraziamento al termine del riceviment , Mammarella ha ricordato le semplici parole con le quali suo padre lo ha spronato a dare sempre il meglio di sé e che sono state il fondamento del suo lavoro e della sua vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...