Lunga vita al Cavaliere

Il 25 Settembre, al ristorante Dario La Piazza, hanno avuto il piacere di brindare alla salute e ai successi passati e futuri di Ezio Bortolussi, i suoi familiari e i suoi amici più cari. In occasione del suo compleanno si sono riuniti circa venti invitati, che hanno degustato le deliziose pietanze preparate dal cuoco, accompagnate da una lista di vini prelibati, appositamente selezionati per l’evento. Agli ospiti è stato servito un secondo piatto a base di agnello che è stato inventato dallo chef Dario, attento e pronto a soddisfare i gusti suo cliente abituale e che per questo è stato inserito nel menù portandone il suo nome Alla Bortolussi. Non poteva non essere così. Infatti per coloro che non conoscessero le passioni del Cavaliere si possono annoverare il Milan, la Ferrari, gli orologi svizzeri e i vini pregiati. Tutti emblemi e metafore della realtà italiana di cui lui è un fiero e orgoglioso rappresentante in tutto il mondo dagli anni ‘60.
Tra i regali ricevuti il più particolare che va ad arricchire la sua collezione di gadget e merchandising sulla sua squadra del cuore di cui lui è un tifoso entusiasta, per non dire sfegatato, è quello realizzato a mano dallo stilista di pelletteria Ali Mokhtarian. Il genio creativo del fashion designer iraniano, questa volta si è espresso realizzando il logo rosso nero del Milan su una superficie di pelle di agnello naturale, tinta di nero, in una cornice di medie dimensioni. Ali Mokhtarian non è solo uno degli amici e stilista personale del Cavaliere e della sua famiglia quando si fa riferimento a capi di pelletteria, ma annovera nella sua carriera di aver vestito il cantante irlandese Bono degli U2. I suoi capi sono unici e riconoscibili per l’indistinguibile qualitá artigianale che lo ha visto affermarsi su passerelle importanti come Parigi e Milano Pelle e visibili sul sito internet http://www.valeriomoda.com o sulla pagina instagram valeriomoda_official. Nel logo realizzato per l’amico Bortolussi è evidente che ogni singolo punto di cucitura e ricamo è realizzato da menti e mani professionali e operose, proprio come quella del destinatario di questo regalo. Chissá se questo quadro di pelle sia ora appeso nella saletta dedicata a questa squadra definita Il tempio del Milan.
Ezio Bortolussi, un uomo che non ha paura di responsabilità, che non dimentica le sue origini friulane e il saper farsi da soli facendo giorno per giorno il lavoro al meglio delle proprie possibilitá e senza pretese, un uomo di valore e di principi, generoso e impavido che contribuisce ad espandere, accrescere e potenziare il significato del Tricolore e della cultura italiana in ognuno dei suoi progetti edilizi in ogni parte del mondo si trovi.
Insignito del grado onorifico di Cavaliere della Repubblica nel 2005 dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi; Presidente del Comites dal 2013; fondatore e proprietario della New Way Forming LTD, che vede 450 impiegati e 200 lavoratori autonomi che insieme hanno costruito e portato a termine il grattacielo più alto di Vancouver raggiungendo 196 mt di altezza; eletto “L’uomo dell’anno in Canada” per i meriti e i traguardi raggiunti attraverso una catena di successi e sacrifici accompagnati da tenacia e determinazione in anni, Ezio Bortolussi è e rimane un uomo di classe, elegante, raffinato e attento, laborioso, di saldissimi valori religiosi e etici che non nasconde i lati umani della sua personalità e che ha saputo superare con spirito positivo ogni avversità, anche quando in difficoltà e che per questa ragione non si tira indietro in momenti di necessità altrui. Infatti le sue azioni di generosità, altruismo e filantropia sono evidenti, per citarne alcuni: ha donato cento mila dollari alla nuova unità ospedaliera di Surrey e a molte altre organizzazioni caritatevoli e benefiche tra cui il Policlinico di Milano; ha donato alla chiesa del suo paese natale Arzene, l’orologio del campanile, le porte di legno e le vetrate; è Presidente del Columbus Soccer Club e socio fondatore del Famee Furlane, e nondimeno è un sensibile ascoltatore delle necessità dei nuovi giovani emigranti italiani nel contesto canadese. Non so quali siano stati i suoi desideri espressi nello spegnere le candeline sulla torta, ma posso solo augurargli, come tanti altri, tra cui uno dei suoi più cari amici Rocco Di Trolio, Consigliere Generale del CGIE, lunga vita e che tutti i tuoi sogni si realizzino!
Maja Giannoccaro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...