Le affascinanti opere di Lorenzo de Francesco

Di Manuela Milazzo

In epoca primitiva, i segni impressi all’interno delle grotte miravano alla rappresentazione dell’invisibile sotto forma di visibile in un connubio fra mondo interiore e mondo esteriore. Nel momento in cui si è foggiata la materia si è plasmato l’ignoto e fu così che nacque la prima forma di comunicazione di sé. Al giorno d’oggi sembra l’uomo abbia perso quella sacralità e quello spirito di ricerca interiore, ma non è così. Nella giornata di Sabato 17 Giugno Lorenzo Defrancesco, artista, scultore di origini romane, residente da anni a Vancouver ha aperto le porte del suo studio e della sua casa a chiunque volesse conoscere e mettersi a confronto con un’arte spirituale e contemporanea.
A far da sfondo ad alcune delle sculture situate nel giardino dell’artista le bellissime montagne del British Columbia, altre sculture invece trovano spazio all’interno dello studio, quasi come aspettassero di uscire fuori dalla caverna per ricevere il battesimo nel mondo esterno. Nel dar vita ai suoi pensieri l’artista Defrancesco, ha scelto di utilizzare un materiale che non perdona, scolpendo marmo, granito, basalto e roccia calcarea. Le opere esposte, circa una trentina, sono simboliche, pure, vibrano di energia, queste sono il frutto di una costante interrogazione di se, di una perfetta armonia fra culture diverse, in esse infatti convivono influenze cristiane e filosofie orientali, arte europea e arte dei nativi americani. La maestria di un artista come Defrancesco sta nella ricerca di una verità di fondo che accomuna religione e natura e nel creare una connessione fra questi differenti elementi, come ad esempio nel trittico di sculture: Body Identification, Mind Identification e Observer, dove simboli ed elementi figurativi sono messi a confronto l’un l’altro all’interno di uno spazio sacro quale il cerchio. Altro trittico scultoreo degno di nota è quello che prende vita dalla domanda esistenziale: Who am I?, alla quale l’artista risponde con una naturale evoluzione di forme pure, quali il cerchio, il triangolo e il rombo, che vengono rappresentate come pilastri totemici di conoscenza, semplici nelle forme e allo stesso tempo complessi nella loro interpretazione. Le sculture Solid mind, Awakened mind e Enquiring mind sono quindi una perfetta relazione fra visibile e invisibile, in un gioco di relazione fra spazio che crea la materia e quindi la forma, dove questa si interroga e interagisce con l’esterno, diventando così un entità fisica, cosciente e spirituale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...