IL CENTRO Italian Cultural Centre’s Project, It was rejected by the members!

On the evening of Thursday March 9th. 2017 the impossible happened! How is it possible to throw away in the air a dream? 155 ICC’s members were present … 107 members voted YES so this amounted to a 69.03% of the vote. It required a 75% mandate to pass the project, it was not approved by the ICC’s membership.
The assembly of the members of the Italian Cultural Center rejected a dream! For a handful of votes secretly expressed by the people of the old guard a futuristic project studied and proposed by the ICC’s Board of Directors and the Bosa Properties group was silenced. What a disappointment… and not just for the young people who represent the Italo-Canadesi that guarantee the continuity of the founding ideals of the community center, but also for the many elderly donors and generations of Italians that live in B.C. that will have witnessed this decision. It is sad to think that maybe they are locked in the past and afraid to make an historical decision that could be enjoyed by our sons and daughters for many years to come or maybe they are not properly informed … Who knows?
The Marco Polo newspaper was invited two weeks ago via a personal invitation to attend the meeting as press so that the final results could be reported to the readers and the community. When The Marco Polo representative showed up for the meeting they would not allow him to enter as press and was eventually not allowed observing and reporting.
We can’t figure out why after an invitation was sent and yet someone had decided to not allow us into the meeting. We will be following up with a letter to the ICC’s Board of Directors and ask why this happened.
The Marco Polo wrote an email to Mauro Vescera the Executive Director of the ICC to enquire on the official press release regarding the outcome of the vote due to the fact that we were not welcomed to the Thursday meeting. As usual Mauro Vescera was too busy to answer so we called Vito Bruno the president of the Associazione Culturale Pugliese of British Columbia to find out the official results. Vito Bruno: “I was so surprised because I did not see you inside. If they sent you a personal invitation they should have let you in, big mistake!”
Quotes from some of the members including two members of the board of directors.
Michael Cuccione: ”I understand that this was a meeting just for members but if you have an invitation it’s another story. I am really sorry Giorgio; I will point it out this situation in the next board of directors meeting. I am sorry again it’s really unpleasant”.
Rino Vultaggio: ”This is a dictatorship Giorgio. It’s a newspaper mission to report the activities into the Italian Community. I will ask him in the next board meeting; What’s the matter with you Mauro? Trust me I did not know anything about this, he should present all his decisions to the Board and we have to approve or not. Unbelievable!”
In the same evening, Pino Cuccione the treasurer of the Associazione Culturale Calabrese of Vancouver was not on the list. He declared to us that he was very mad: “I can not believe it! I forgot for how many years that I’ve been an active member of Il Centro and they denied me access to vote! I asked them why … and they told me that I was not on the member’s list. I am really upset and I will do my own complaint”.
Why isn’t there any transparency, what is been hidden? Who is in charge and who takes responsibility for this? We demand to know and insist that the community is aware of all the happenings!
And again What’s the matter with you Mauro Vescera?
Marco Polo Team

 


Che delusione! Il progetto del Centro Culturale Italiano è stato respinto dai membri!La sera del Giovedi 9 marzo u.s., durante il general meeting del Centro Culturale Italiano (CCI), l’impossibile è accaduto! Come è possibile buttare via in aria un sogno? Tra i 155 membri presenti con diritto di voto 107 di essi hanno votato “SÌ”, ovvero il 69.03% dei voti. Il guaio è che non avendo raggiunto il minimo del 75% come richiesto dallo statuto, il progetto è stato bocciato.

L’assemblea dei soci del Centro Culturale Italiano ha respinto un sogno! Per una manciata di voti espressi in segreto, la “vecchia guardia” ha messo a tacere un progetto avveniristico nato tra la collaborazione del CCI e il gruppo di Bosa Proprties. Che delusione … e non solo tra i giovani italo-canadesi che garantiscono la continuità degli ideali dei fondatori del CCI, ma anche per i molti donatori anche di altre generazioni, e tutti gli altri italiani della greater Vancouver che hanno assistito a questa decisione. E ‘triste pensare che tra gli elettori molti siano rimasti ancorati al passato, rifiutandosi di prendere una decisione che sicuramente avrebbe beneficiato le future generazioni di italo-canadesi.

Il nostro giornale, il Marco Polo, era stato invitato a partecipare due settimane fa come osservatore tramite un invito personale a partecipare alla riunione come e fare conoscere ai nostri lettori e alla nostra Comunità l’esito del risultato. Quando il nostro rappresentante si è presentato alla riunione, i responsabili dell’evento gli hanno rifiutato l’entrata e il nostro giornale, così come sarebbe stato giusto, non è stato messo in condizioni di raccontare nei dettagli quanto successo in quel meeting.

Noi non riusciamo a capire la ragione per la quale, dopo essere stati invitati, è stato deciso di rifiutarci l’entrata. Manderemo una lettera al Consiglio di Amministrazione del CCI attraverso cui si chiedono i motivi che hanno portato a quella decisione sui generis.

Il Marco Polo ha scritto una e-mail a Mauro Vescera, direttore esecutivo del CCI, di indagare sui motivi riguardanti l’esclusione del Marco Polo, dopo un regolare invito, all’assemblea generale di giovedi u.s. Abbiamo anche chiamato Vito Bruno, presidente della Federazione del Pugliese Club della BC Il quale aveva già mostrato stupore notando la nostra assenza al meeting. “Se avevate ricevuto l’invito come stampa avrebbero dovuto farvi entrare, e non averlo fatto è stato grande errore!” è stata la sua osservazione.

Citazioni di due membri del consiglio di amministrazione.

Michael Cuccione: “Avevo capito che questo sarebbe stato un incontro per solo membri, ma se si dispone di un invito allora è tutto diventa un’altra storia. Sono davvero dispiaciuto e farò notare l’incidente nel prossimo meeting “.

Rino Vultaggio: “Questa è una dittatura Giorgio”. “` È compito del giornale riportare tutte le attività nella Comunità italiana . Lo chiederò alla prossima riunione del consiglio. Hai per caso un problema con Mauro? Di tutto ciò io non sapevo niente. Mauro avrebbe dovuto fare rapporto al consiglio di amministrazione per sottoporlo alla sua approvazine. Incredibile!”

Un altro incidente riguarda Pino Cuccione, tesoriere della Associazione Culturale Calabrese di Vancouver e membro del CCI . Pur essendo membro con diritto di voto gli è stato non ha potutto votare perché, gli è stato detto, il suo nome non era nella lista. Molto arrabbiato, Pino ha commentato: “Non ci posso credere! È da tantissimi anno che sono membro, al punto da non ricordarne più quanti, e mi hanno negato il diritto sacrosanto di votare! Ma esporrò le mie lamentele e mi sentiranno”.

Perché non c’è stata trasparenza? Cos’è che si temeva? Cos’è che si voleva nascondere? Chi è che si assume la responsabiità per quanto successo? Chiediamo di sapere e insistiamo sul fatto che la comunità italiana venga a conoscenza, venga informata, possa essere messa in grado di valutare un futuro che la riguarda molto da vicino e che altri vogliono decidere senza neanche informarla.

Marco Polo Team

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...