Cari lettori,

Fra le molte iniziative spontanee nate in Italia e nel mondo dal 24 Agosto scorso, giorno in cui il Centro Italia è stato colpito da un terribile terremoto che ha provocato morte e distruzione per recare aiuto alle popolazioni colpite, anche Vancouver si è mobilitata per una serie di raccolte fondi. Anche Marco Polo ha intrapreso una campagna di raccolta fondi, a proposito della quale sento il dovere di fare alcune precisazioni. Dopo la pubblicazione di un articolo dove l’editore Giorgio Moretti si offriva di coordinare la raccolta fondi a favore della quale avrebbe devoluto il 20% degli incassi della pubblicità, come hanno fatto anche i ristoranti locali per le
vendite di piatti di amatriciana donando 5 dollari su un totale di $15 e cioè, $2.50 donati dal ristorante e gli altri $ 2.50 dal cliente. Purtroppo l’editore del Marco Polo è stato dipinto come un opportunista. Se Marco Polo avesse ricevuto delle donazioni a favore dei terremotati, le avrebbe interamente devolute alla causa. Invece, trattandosi degli incassi delle vendite del giornale, Marco Polo ha seguito la procedura già messa in atto dai ristoranti di tutto il mondo circa gli incassi dei piatti di amatriciana venduti per beneficienza, donandone appunto una percentuale. Consiglierei maggiore prudenza a chi ritiene di dare giudizi affrettati. Comunque, a seguito delle spiacevoli polemiche, Marco Polo ha chiuso la raccolta fondi a favore delle popolazioni colpite dal sisma in Agosto. (Rino Vultaggio)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s