Italia, debito passa verifica UE, serve calo per superare esame mercato

MILANO – Il debito pubblico italiano non sembra preoccupare più di tanto la Commissione europea che due giorni fa si è limitata a esprimere fiducia nella capacità del governo di ridurne il rapporto sul Pil, il più alto nella zona euro dopo la Grecia.

Quest’anno, secondo le stime del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, il debito scenderà di tre decimi di punto del Pil rispetto all’attuale livello sopra il 132%.

Secondo le stime di Bruxelles resterà invece inalterato.

La Commissione, tuttavia, si è mostrata sensibile al riferimento del governo a elementi internazionali come deflazione e ciclo economico che frenano l’aggiustamento.

Basta un giudizio benigno di Bruxelles per mettere al riparo i titoli di Stato italiani da attacchi speculativi ?

Nella posizione dei commissari è sembrata pesare la preoccupazione politica di non tenere posizioni rigoriste sui conti di nessun paese europeo prima di appuntamenti elettorali che potrebbero premiare partiti anti-establishment e anti-Ue.

Se per Madrid la verifica sul bilancio è così rinviata a dopo le politiche di giugno, per Roma è rimandata a dopo il referendum costituzionale di ottobre.

Matteo Renzi ha detto di avere intenzione di dimettersi nel caso in cui la consultazione bocciasse la riforma, gesto che potrebbe aprire una fase di instabilità istituzionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...