Via libera tedesco al piano per Atene. Tsipras vara il rimpasto

104743052-0e4138dd-63d0-488d-a212-d3f7ab8e5633

MILANO – “Annunciato il nuovo governo greco. Il premier Alexis Tsipras fa in tutto nove sostituzioni fra ministri e vice ministri”. Dopo la spaccatura creata dal voto a favore del piano europeo di salvataggio, il leader ellenico cambia la compagine alla guida del Paese, nella giornata in cui il piano ha superato l’attesa prova del Bundestag: il Parlamento tedesco, dopo l’ok di quello finlandese di ieri e di quello austriaco di oggi, ha dato il via libera alla trattativa che porterà l’Esm ad erogare gli aiuti per Atene, che con l’apporto del Fmi dovrebbero arrivare a 86 miliardi. Atene incassa anche un altro passo avanti, atteso e importante: il via libera dei 28 Paesi Ue al prestito ponte da 7 miliardi che servirà per far fronte alle esigenze finanziarie più immediate. Intanto restano accese le discussioni sull’opportunità di intervenire sul debito greco, che è attualmente al 177% circa del Pil ellenico e che – in caso di lancio del terzo piano d’aiuti – sfonderebbe la quota del 200%.

Merkel e Schaeuble al Bundestag. “So che ci sono molti dubbi sul fatto che la Grecia possa stare di nuovo sulle sue gambe, ma sarebbe irresponsabile non tentare questa strada e non dare una nuova chance alla Grecia”, ha detto la cancelliera Angela Merkel al Bundestag, aprendo la discussione sul piano di salvataggio nel giorno del suo compleanno (fiori per lei dall’Aula). “E’ stato un accordo duro per tutte le parti in causa ed è stato l’ultimo tentativo”, ha riconosciuto di fronte ai deputati tedeschi. Alla fine, 439 votanti su 598, dei 631 che compongono l’assemblea tedesca, hanno espresso parere a favore delle trattative, come ha annunciato il presidente Norbert Lammert; 119 hanno votato contro e 40 si sono astenuti. I parlamenti estone e bulgaro hanno espresso altri pareri favorevoli.

La discussione tedesca era stata preceduta da una crescente polemica, che ha ingrossato in in terra tedesca quella che i commentatori hanno definito la “Grexit-Brigade”, cioè la truppa di chi pensa sia più opportuno per tutti che Atene saluti la compagnia della moneta unica. Il falco ministro delle Finanze,Wolfgang Schaeuble, ha d’altra parte suggerito da tempo che una Grexit temporanea possa essere una soluzione, salvo poi rassicurare la cancelliera sul fatto che avrebbe il piano in Parlamento. Infatti ha parlato espressamente di un “ultimo tentativo con Atene”, alla quale “ora tocca agire”, dopo aver “cancellato” tutto quanto di buono era stato fatto in passato negli ultimi sei mesi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s